06 Feb 2021, 10:50

Roma – I biancocelesti della S.S. Lazio Rugby 1927 sono pronti a scendere in campo domani alle 14.30 allo Stadio “Quaggia” di Mogliano, nella terza giornata di ritorno del massimo campionato nazionale.

Una partita attesa contro la squadra veneta, una delle sorprese di un campionato fin qui spezzettato a causa dei numerosi rinvii che le squadre hanno dovuto subire a causa dell’epidemia.

Con cinque partite ancora da recuperare, la Lazio nonostante l’ultima posizione in classifica, negli ultimi match ha trovato fiducia ritrovando delle certezze importanti. La partita di domani con numerosi titolari che tornano a disposizione del XV guidato da Carlo Pratichetti e Stefano Barba, rappresenta dunque un’occasione importante per dimostrare a che punto si trova la crescita della squadra biancoceleste, dopo un inizio di campionato davvero complesso.

Sono contento di poter recuperare qualche giocatore di grande esperienza” ha dichiarato Carlo Pratichetti “Mi aspetto una squadra molto motivata e pronta per fare una battaglia su un campo difficilissimo, con delle previsione meteo che esalteranno il combattimento individuale e collettivo del rugby”.

Ci siamo allenati bene durante la settimana, recuperando diversi giocatori di esperienza per la partita di domani e questo certamente migliorerà la performance di entrambi i reparti” ha dichiarato il capitano Marcos De LorenziI ragazzi più giovani stanno dando davvero un grande contributo alla squadra, crescendo di partita in partita e questo è un segnale molto positivo per il gruppo. Sono contento di tornare a giocare contro Mogliano, sono sicuro che domani ogni giocatore della Lazio che scenderà in campo darà il massimo in questa partita.

La partita sarà arbitrata dal direttore di gara Luca Trentin, con fischio d’inizio fissato alle 14.30.

S.S. Lazio Rugby 1927: Bonifazi; De Gaspari, Mattoccia, Vella; Scardamaglia; Montemauri, Esteki; Cacciagrano; Riccioli, Ulisse; Damiani, De Lorenzi, Leiger, Ferrara, Di Roberto.

A disposizione: Giusti, Gisonni, Liguori, Colangeli, Wagner, Asoli , Cristofaro, Baffigi

 

 


 
 
 
 
 

Il Primo XV in Italia