19 Feb 2021, 13:29

Roma – Tutto pronto per il derby tra la Lazio Rugby 1927 e le Fiamme Oro, match valido per il recupero della prima gara del girone d’andata del massimo campionato nazionale, che sarà disputato domani al “CPO” Giulio Onesti a porte chiuse.

Le due squadre tornano ad affrontarsi a meno di un mese di distanza dall’ultima sfida, dopo il match di fine gennaio in cui i cremisi superarono largamente i biancocelesti, scesi in campo in un match con tante assenze pesanti. Nella partita di domani il XV di Carlo Pratichetti potrà invece schierare una formazione più completa, che sta trovando continuità nelle partite delle ultime settimane.

La sfida di domani sarà il primo dei cinque recuperi che dovranno affrontare i biancocelesti, con dieci partite ancora da disputare da qui al termine del campionato.

Siamo distanti dalla posizione utile per confermarci nella categoria, con la squadra che ha dovuto affrontare diverse difficoltà nella prima parte di stagione e parzialmente superate in quest'ultimo periodo” ha dichiarato il presidente della Lazio Alfredo Biagini “I ragazzi dovranno affrontare queste dieci partite con grande entusiasmo, volontà e consapevolezza di avere tutti i margini per poter recuperare. Sono confidente nel loro massimo impegno, che per altro hanno sempre profuso anche nei momenti più difficili. Non posso che ringraziare lo Staff e tutti i giocatori, soprattutto i più giovani, per i quali avevamo pensato ad un inserimento graduale e che invece sono stati costretti a sobbarcarsi di tante partite, affrontate comunque con grande dedizione. Nella partita di domani confido in una partita all’altezza dell’avversario e dunque nella capacità di competere della squadra fino alla fine dell'incontro".

S.S. Lazio Rugby 1927: Bonifazi; De Gaspari, Vella, Mattoccia; Marocchi; Montemauri, Esteki; Duca; Ercolani, Marucchini; Damiani, Asoli, Leiger, Ferrara, Zileri.

A disposizione: Di Roberto/Giusti, Gisonni, Bolzoni, Colangeli, Wagner, Ulisse, Cristofaro, Santarelli

 

Foto Paolo Cerino

 


 
 
 
 
 

Il Primo XV in Italia