24 Feb 2021, 11:38

Nella sua undicesima stagione da giocatore con la maglia biancoceleste nella massima serie abbiamo intervistato il capitano della Lazio Rugby 1927 Carlo Filippucci, parlando di Lazio, di rugby e di tanto altro.

 

La prima immagine ed il primo ricordo che ti saltano in mente quando pensi alla nostra Società

La prima immagine della Lazio risale a quando avevo 12 anni, all’Acqua Acetosa sul campo 2 quando ancora era un cosiddetto “campo di patate”. Io mi allenavo con la Lazio Rugby Club, per il primo anno, senza essere nemmeno tesserato. Ricordo che avevamo queste maglie da gioco enormi blu con l’aquilotto sul cuore, un ricordo di tanti anni fa che mi fa pensare a dove tutto è iniziato.

 

Sei capitano, giocatore ed allenatore nei nostri colori; una caratteristica caratteriale secondo te necessaria per affrontare questi tre ruoli e una specifica per ciascuno.

Di questi tre ruoli la caratteristica fondamentale è, secondo me, l’empatia, ovvero cercare di mettersi nei panni delle altre persone e comprendere ciò che li fa sentire bene o ciò di cui hanno più timore o disagio.

Cercare di capire ciò di cui hanno bisogno i ragazzi è fondamentale. Soprattutto come allenatore. Da capitano l’empatia è fondamentale ma deve essere accompagnata sempre dalla considerazione di essere un riferimento per dei compagni di squadra con una fascia di età dai 17 ai 35 anni. Il giocatore, invece, secondo me, per antonomasia deve avere la forte volontà di andare oltre i propri limiti. Facendo questo, un giocatore non fa altro che cercare e ricercare di dimostrare chi sia veramente, al di là delle parole di chi sta fuori dal campo, e di cosa sia il proprio club, nel nostro caso la Lazio.

Per anni c’è stata la convinzione che la nostra squadra sia un club molto attento ai giovani, che lavora sul vivaio, che stimola i propri giocatori affinché intraprendano delle strade personali di crescita e di lavoro che siano parallele al rugby giocato, con alcuni giocatori che immaginavano erroneamente che questo significasse non ambire a risultati di classifica più importanti. Questo è stato uno dei pensieri più assidui nella mia mente in questi anni: dimostrare che questi limiti siano errati e portare il più possibile in alto il nome ed i colori di questa società.

Anche per questo ho deciso di iniziare ad allenare, convinto di poter provare a svolgere un ruolo di collante fra le formazioni di giocatori ed il I XV. Tante volte vedo “salire” dei ragazzi a cui mancano dei passaggi che dovrebbero essere già sviluppati.

 

Il momento più bello ed il momento più difficile del tuo percorso rugbistico.

In tutto il mio trascorso rugbistico direi che il più brutto momento rimanga ancora la finale scudetto Under 20 nel 2011 persa a Livorno contro i Crociati, finita ai calci piazzati nei tempi supplementari. Quello credo sia stato il momento sportivo più “tosto” per me. Ricordo che subito dopo la partita non volevo vedere rugby, non volevo parlare di rugby; al ritorno agli allenamenti con la prima squadra chiesi a Victor Jiménez se avessi potuto prendermi dei giorni di riposo perché ero veramente sotto ad un treno. Invece il ricordo più bello è sicuramente il raggiungimento della salvezza in Top12 contro il Verona due anni fa (s.s. 2018 – 2019). Quello è stato un momento in cui la volontà delle persone è andata oltre a qualsiasi pronostico. In quell’occasione si è creata una magia all’interno di quel gruppo che veniva da un anno difficilissimo e riuscendosi a salvare in un modo, sicuramente rocambolesco, ma voluto, costruito.

 

Hai cambiato diversi allenatori durante il tuo percorso e oggi sei un allenatore anche tu, in Under 18 e 16; il tuo allenatore “preferito” e perché?

Quando immagino l’Allenatore, ripenso a Victor Jiménez che adesso è a Padova. Lui è stato prima giocatore e poi giocatore – allenatore guadagnando la promozione in Eccellenza nella stagione 2009 – 2010. E’ stata la persona che mi ha formato i primi anni di I XV ma anche già in Under 20. Io al tempo ero un ragazzino e lui ha contribuito a plasmare il modo in cui oggi percepisco e vivo questo lo sport. Sono stati quelli sicuramente anni duri, anni di lavoro ma anche periodi che mi hanno dato molto.

 

Hai un gesto scaramantico pre – partita? Se si quale?

Subito prima di entrare in campo unisco pollice ed indice. E’un gesto che ho imparato durante un corso di concentrazione, memorizzazione e richiamo delle emozioni, durante il quale ci hanno consigliato quest’azione per ricentrare il “set”, il focus, centrando quello che sono i tuoi pensieri e lasciando fuori tutto il resto. Oltre a questo rituale, devo ammettere di aver utilizzato per sei anni sempre gli stessi scaldamuscoli fin quando non mi hanno abbandonato.

 

Un libro, un film, un’artista musicale.

Per il libro ti direi Il Signore degli anelli è stato uno dei titoli che io apprezzi maggiormente anche se il libro che ho letteralmente divorato svariate volte è stato le Cronache del Ghiaccio e del Fuoco da cui successivamente è stata tratta la serie TV il Trono di Spade.

Il film assolutamente la trilogia de Il Signore degli Anelli che ho consumato a forza di rivedere.

Per l’artista musicale ti direi i Blink-182 che ho ascoltato per tutta la mia adolescenza e che ascolto tuttora.

 

Un atleta, uno sportivo che hai sempre ammirato o che ti ha ispirato crescendo e perché.

Nonostante abbia visto molto più rugby di altri sport in tutti questi anni, così, su due piedi, ti direi Michael Schumacher; la domenica pomeriggio da piccolo con mio padre guardavo i gran premi davanti alla tv e vederlo continuare a vincere per anni con la Ferrari, portandola nella storia.

 

Siamo oltre l’80’, la Lazio perde di 4, siamo nei 22 avversari e l’arbitro fischia “mani in ruck” a nostro favore. Chiami calcio in touche o giochiamo mischia?

Tralasciando le diverse variabili da considerare in queste occasioni, direi andiamo in touche.

 

Già da due anni, fai parte dello staff della nostra under 18 come allenatore:  un tuo principio di gioco e una lezione che conserverai per sempre.

Come ho già detto credo fortemente che per cambiare il nostro gioco servano dei giocatori intelligenti e per diventarlo, secondo me, oltre ad altre considerazioni, serve sviluppare al massimo le proprie capacità di adattamento durante il gioco. Credo anche che allenando si imparino molte cose. Tra questo una nozione che mi rimane è il contenuto emotivo; se esprimi realmente la volontà di trasmettere ai ragazzi qualcosa di tuo, allora l’allenamento sarà efficace ed andrà bene.

 

Quest’anno ben 9 ragazzi (Matteo Bianco, Marco Colangeli, Christian Calabrò, Valerio Cordì, Niccolò Evangelisti, Antonio Ferrante, Gabriele Moscioni, Lorenzo Palmigiani e Leonardo Sodo Migliori)  della nostra Under 18 sono stati selezionati nell’Accademia zonale di Roma facendo in questo modo della  Lazio la Società con più atleti convocati del centro sud. Pensi che vedremo presto questi ragazzi in prima squadra? E se si ti chiedo se hai pensato ad aspettare di poterci giocare affianco.

Sicuramente questi ragazzi hanno molte capacità, molte potenzialità ma sono ancora giovani. Sono sicuro che ognuno di loro abbia le capacità per arrivare un giorno a giocare in “Prima Squadra”, così come molti altri loro compagni di squadra. In particolare questi nove ragazzi hanno la possibilità di fare un percorso di qualità seguiti da tecnici molto competenti che conosco personalmente. Come giocatore vorrei tanto riuscire ad aspettare per vedere loro, così come altri ragazzi della nostra Under 18, approdare in prima squadra, ma non credo riuscirò ad avere questa bellissima emozione. Diciamo che già per questa stagione una forte emozione me l’ha regalata Matteo Colangeli, un ragazzo che almeno da ormai due anni, con il suo debutto con il 1°XV. E’ così bello vedere questi ragazzi cresciuti nell’ambiente Lazio, che dalle giovanili e attraverso alcuni allenamenti con la prima squadra, riescano poi a diventare parte del gruppo al 100%.

 

Nel 2020 e ancora nel 2021 la pandemia globale sta mettendo un freno importante al rugby giocato, in quasi tutte le categorie, a svantaggio soprattutto dei più giovani e dei più piccoli che non hanno la possibilità di ritrovare il clima della sana competizione. Qual è il messaggio che sentiresti di inviargli?

Resistete ragazzi, resistete. Torneremo a fare quello che ci piace. So che è un momento difficile e “unico”; non vi nascondo che al posto vostro, forse non sarei riuscito a mantenere la vostra concentrazione ed a gestire il tutto come lo state facendo voi. Torneremo a giocare presto, dobbiamo aspettare che questa tempesta finisca.

 

Il tuo dream team del rugby.

1. T. Mtawarira (Old Glory DC/ Sud Africa)

2. J. George (Saracens/ Inghilterra)

3. C. Hayman (rit./ Nuova Zelanda)

4. B. Botha (rit./ Sud Africa)

5. V. Matfield (Northampton/ Sud Africa)

6. J. Collins (dec./ Nuova Zelanda)

7. D. Pocock (rit./ Australia)

8. C. Mannucci (rit./ Italia) oppure D. Vermeulen (Bulls/ Sud Africa)

9. A. Dupont (Tolosa/ Francia)

10. J. Wilkinson (rit./ Inghilterra)

11. C. Dominici (dec./ Francia)

12. J. Roberts (Dragons/ Galles)

13. B. O’Driscoll (rit./ Irlanda)

14. C. Kolbe (Tolosa/ Francia)

15. J. Robinson (rit./ Inghilterra)

 

Ok Carlo passiamo a delle domande veloci, puoi scegliere solo una delle opzioni:

·         15 avanti/ 15 tre quarti

15 avanti

·         Andiamo in touche/ giochiamo mischia

Touche

·         Maglia biancoceleste/ Maglia rosa

Biancoceleste

·         Nuova Zelanda /Sud Africa

Sud Africa

·         Conrad Smith / Ben Smith / Aaron Smith

Ben Smith

·         Campo sintetico/campo fangoso

fangoso

·         Rugby seven/ rugby league

Seven

·         Beach rugby/snow rugby

Beach rugby

·         Wilkinson/Carter

Wilkinson

·         Guantini /caschetto

caschetto

·         Sottomano rischioso/ grabber

grabber

 

·         Pasta lunga/pasta corta

Pasta corta

·         Carbonara/amatriciana

amatriciana

·         Mare/montagna

mare

·         Motocicletta/automobile

automobile

·         Discoteca/pub

discoteca

 

 

Grazie Carlo!

 

 


 
 
 
 
 

Il Primo XV in Italia